Workshop n. 6

Violenza di genere e sessismo: come intervenire?

Moderatrici: Giorgia Massai e Luisa Petrucci (Libere Tutte)

Premessa: In Italia dall’inizio dell’anno le donne uccise da uomini sono state 54. Ben una ogni due giorni. Si tratta di veri e propri femminicidi: cioè di donne uccise perché donne. La prima causa della violenza maschile sulle donne, che non è solo fisica ma anche psicologica ed economica, sta nella discriminazione che le donne subiscono a causa della cultura patriarcale dominante. Restare indifferenti, o relegare alle donne queste tragiche problematiche, è una forma di connivenza. E’ come essere indifferenti di fronte alla mafia.

Obiettivi:Otto volte su dieci gli autori delle violenze sulle donne sono membri della famiglia, o che della famiglia hanno fatto parte (fidanzati, mariti, compagni, amici, conoscenti ecc.).
Queste violenze, quando arrivano a dare la morte, sono riportate dai mezzi di comunicazione come notizie di cronaca nera, e, nella maggior parte dei casi, legate a contesti di immigrazione (dove, appunto, il maschio violento è uno straniero). Sappiamo invece che la violenza sulle donne avviene nelle famiglie italiane come in quelle straniere ed inoltre è trasversale alle diversi classi sociali.
Il linguaggio usato dai media, ed il messaggio che ne scaturisce, sono quasi sempre volti a fare del maschio omicida, stupratore e violento, un uomo abbandonato che ha perso la testa davanti ad una donna dai comportamenti troppo autonomi.
Ma la violenza sulle donne, anche quella in famiglia, non è un fatto privato e va combattuta con un cambiamento radicale della cultura patriarcale che la genera.

Dire no alla violenza maschile sulle donne è dire no ad ogni violenza, ogni guerra, ogni razzismo.

Destinatarie/i: Questo Workshop è indirizzato a tutte e a tutti coloro che intendono combattere la violenza sulle donne e gli stereotipi sessisti che continuano a caratterizzare la nostra realtà quotidiana. In una società che si autodefinisce civile, il perdurare della violenza sulle donne non è una questione femminile e non può riguardare soltanto le donne in quanto vittime o potenziali vittime del potere maschile. Anche gli uomini devono affrontarla, pure i tanti che non agiscono la violenza, ma non si rendono conto del problema o, peggio ancora, lo minimizzano.
C’è bisogno di conoscere, analizzare, approfondire, c’è bisogno di informare correttamente, c’è bisogno di potenziare i centri antiviolenza, c’è bisogno di cambiare profondamente le relazioni uomo-donna, c’è bisogno che le istituzioni si assumano le proprie responsabilità.
Quindi tutte e tutti coloro che ritengono importante impegnarsi su questi temi sono invitati a partecipare e portare il loro contributo al Workshop: ”Violenza di genere e sessismo, come intervenire?”

Leggi il report conclusivo del workshop (.pdf)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: