Ospiti

Salvatore Allocca, impiegato USL e politico. Ha svolto vari incarichi politici come amministratore locale e come senatore della Repubblica. E’ attualmente assessore regionale toscano con delega alle pari opportunità e al welfare sociale regionale. All’intero di quest’ultima competenza si occupa di immigrazione e popolazioni nomadi, marginalità sociali e questioni carcerarie.
Giovanni Anversa, giornalista e autore televisivo. Inizia nel 1981 la sua collaborazione con la RAI come autore e conduttore di programmi radiofonici. Nel 1990 dà vita all’esperienza televisiva de Il coraggio di vivere su RaiDue. Da allora si è sempre occupato di tv sociale e in qualità di autore e conduttore ha dato vita a programmi di successo come Ho bisogno di te, Sotto la tenda, La cronaca in diretta, Diversi, Racconti di vita fino a Paese reale, attualmente in onda ogni sabato su Rai Tre.
Maurizio Ambrosini docente di Sociologia dei processi migratori e Sociologia urbana presso l’università di Milano, Facoltà di Scienze Politiche. membro del Comitato scientifico del Dossier immigrazione Caritas-Migrantes è responsabile scientifico del Centro studi Medì-Migrazioni nel Mediterraneo, di Genova, dove dirige la rivista “Mondi migranti” e la Scuola estiva di Sociologia delle migrazioni. Fra le sue pubblicazioni: Un’altra globalizzazione, Cittadini possibili, Sociologia delle migrazioni, Scelte solidali, Seconde generazioni, Immigrazione e metropoli.
Michela Balocchi Dottora di Ricerca (Ph.D.) in Sociologia e Sociologia Politica e laureata in Scienze Politiche, è docente a contratto presso l’Università di Firenze. Borsista del Collegio IPASVI di Firenze, nel 2011 ha coordinato un progetto di ricerca presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Careggi sull’accesso ai servizi e alle cure da parte degli immigrati stranieri. Dal 2009 sta conducendo una ricerca sociologica, con impronta interdisciplinare, sulla medicalizzazione delle persone intersessuali; ha fatto parte del primo Intersex Global Forum tenutosi a Brussels nel settembre 2011 e da allora è componente del World Intersex Network costituitosi in quell’occasione. Ha pubblicato numerosi saggi sulle disuguaglianze di genere, sulla rappresentanza di genere in politica, sulle nuove forme di democrazia partecipativa e sulle questioni legate ai diritti delle persone intersex.
Mauro Biani è vignettista, illustratore, scultore oltre che educatore professionale per ragazzi disabili mentali, presso un centro specializzato. Collabora con Il Fatto quotidiano, L’Unità, E (mensile di Emergency), Vita, Azione non violenta, I siciliani, l’associazione Libera e Peacelink. Fa parte del gruppo “Cartooning for Peace”, sotto l’Alto Patrocinio dell’ONU. E’ uno dei fondatori di “Mamma!”, rivista di satira, giornalismo e fumetti. I suoi disegni hanno fatto il giro del mondo. Tra gli altri riconoscimenti ha vinto il premio di satira politica “Forte dei Marmi” e il premio per la miglior vignetta europea del 2011, istituito alla Rappresentanza italiana della Commissione Europea in collaborazione con la rivista Internazionale.
Sako Gervais Boga è insegnante ricercatore all’ Università di Bouake (Costa d’ Avorio) e membro della Commissione nazionale dei diritti dell’uomo della Costa d’ Avorio; nel maggio 2006, con l’ APDH, di cui è stato presidente, ha ottenuto il premio speciale SAFAM.COM per la difesa dei diritti dell’uomo in Costa d’ Avorio. Dal gennaio 2009 è Presidente Fondatore della Fondazione Ivoriana in tutela dei diritti dell’ uomo e della vita politica (FIDHOP). Fortemente impegnato nella risoluzione pacifica della crisi post-elettorale in Costa D’Avorio, dall’11 giugno 2011 si trova in Italia, in fuga dal terrore e dai massacri sulla popolazione ivoriana, avvenuti dopo l’insediamento al potere di M.Alassane OUATTARA, attuato con l’intervento dei militari della ribellione ivoriana del 2002, sostenuto dalle forze armate francesi, le quali hanno avuto il sopravvento sulle forze armate ivoriane. Il DOTT BOGA ha inoltrato richiesta di asilo politico presso le autorità italiane.
Marcello Buiatti è genetista e docente universitario.Ha operato per lunghi anni in Gran Bretagna e negli Stati Uniti. Dal 1981 è docente ordinario di Genetica presso l’università di Firenze. E’ autore di oltre 250 pubblicazioni su riviste e volumi scientifici italiani e internazionali ed ha scritto, tra gli altri, due volumi di Genetica. Nel 2008 ha coordinato la stesura del “Manifesto degli Scienziati Antirazzisti”, specularmente opposto a quello redatto nel 1938 da accademici vicini al regime fascista.
Monica Cerutti, donna impegnata in politica e mamma. L’avventura amministrativa inizia nel 1997 come consigliera di circoscrizione a Torino, e prosegue nel 2001 quando per la prima volta viene eletta in Consiglio Comunale, esperienza che ripeterà anche in un secondo mandato fino al 2010. Di pari passo all’impegno politico comincia anche il suo impegno nel sostegno delle pari opportunità in politica e dal 2002 è presidente dell’associazione Emily Torino. A marzo del 2010 per la prima volta viene eletta nel Consiglio Regionale del Piemonte e pochi mesi dopo inizierà la sua avventura come responsabile nazionale Diritti e Cittadinanza per la Segreteria Nazionale di Sinistra Ecologia Libertà.
Anonella Coniglio, assessore alle Politiche Sociali, Sicurezza, Politiche della legalità della Provincia di Firenze. Ha conseguito il diploma di laurea Servizio Sociale e poi la laurea in Pedagogia. Ha svolto attività di ricerca universitaria e didattica presso l’università degli studi di Firenze e al Ministero della Giustizia. E’ vicepresidente (Idv) del Quartiere 1 Centro storico e componente della Commissione permanente Pari Opportunità del Comune di Firenze.
Daniela Consoli, avvocato, è membro del coordinamento direttivo dell’ASGI – Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione
Michele Curto ha fondato l’associazione Terra del Fuoco, il cui scopo è l’inclusione delle comunità Rom del territorio piemontese e dei rifugiati politici anche attraverso l’occupazione lavorativa. Dal 2009 vive al “Dado” di Settimo Torinese, una comunità dove coabitano italiani, famiglie ROM e rifugiati politici, che sperimentano nuove forme di prossimità e convivenza. Candidato, da indipendente, alle primarie per l’elezione a sindaco di Torino e battuto dal candidato del PD, Piero Fassino, alle successive elezioni amministrative viene eletto consigliere comunale nelle liste di Sinistra Ecologia e Libertà di cui, a dicembre 2011, diventa coordinatore provinciale.
Sergio D’Angelo,
assessore alle Politiche Sociali del comune di Napoli. E’ uno dei maggiori rappresentanti della Cooperazione Sociale, già Presidente del gruppo di imprese sociali Gesco. Ha ricoperto la carica di Vicepresidente nazionale di Legacoopsociali, Presidente di Legacoop Campania e della Fondazione Affido. Dal 2007 al 2009 è stato il Portavoce del Forum campano del Terzo Settore. Dal 2006 al 2011 ha ricoperto la carica di membro del Comitato Tecnico della Fondazione per il Sud. Già presidente de L’APE (Agenzia di Promozione della Cooperazione Sociale), dal 1999 al 2011 ha fatto parte della Direzione Nazionale di Legacoop. Esperto di Finanza Etica ha ricoperto la carica di Consigliere di Amministrazione di Banca Etica. È Presidente dell’Associazione Politico Culturale Campo Libero per i diritti e le libertà.“
Tana De Zulueta, giornalista. Ha lavorato come corrispondente in Italia per il settimanale The Economist, e precedentemente per il Sunday Times di Londra occupandosi di diritti umani e libertà di stampa. È stata parlamentare dal 1996 al 2008, eletta al Senato per l’Ulivo per 10 anni, poi alla Camera, con i Verdi, per due.
Pape Diaw è portavoce della comunità senegalese. Consigliere comunale a Firenze dal 2006 al 2009. Membro del Consiglio regionale dell’ARCI Toscana.

Udo Enwereuzor, educatore, esperto di discriminazioni e resposabile COSPE del progetto europeo RAXEN (Rete di informazione europea sul razzismo e la xenofobia)
Giuseppe Faso, insegnante. Nel 1989 ha iniziato un’attività di volontariato in «Africa insieme». Nel 1993 ha collaborato alla Carta d’intenti dei Comuni Toscani sulle politiche migratorie, nel 1995 è stato tra i fondatori della Rete Antirazzista. Si occupa soprattutto di accoglienza dei bambini non italofoni nelle scuole e dirige il Centro Interculturale Empolese-Valdelsa. Nel 2008 ha pubblicato per Deriveapprodi il libro “Lessico del Razzismo Democratico”.
Stefano Galieni, giornalista, ha collaborato con Liberazione. Rivista del Volotnariato, Conquiste del Lavoro, Avvenimenti, Diario della Settimana e altre testate con inchieste e servizi a sfondo sociale in particolar modo su tematiche riguardanti l’immigrazione.
Jacopo Grisolaghi. Psicologo e Dottore di ricerca in Psicologia, è Professore a contratto di Psicologia Sociale presso la Facoltà di Psicologia dell’Ateneo fiorentino. Ha approfondito lo studio della psicosessualità umana presso l’Istituto Italiano di Sessuologia Scientifica di Roma. Ha maturato esperienze riguardo agli aspetti teorici e applicativi della Psicologia degli Atteggiamenti, con particolare riferimento al pregiudizio sessuale. Ha relazionato a numerosi congressi nazionali e internazionali e ha pubblicato oltre venti contributi di ricerca, affrontando argomenti legati alla psicologia del comportamento sessuale.
Barbara Gualtieri. Avvocato in Firenze e Roma, si occupa di diritto nelle nuove tecnologie, proprietà intellettuale e industriale, oltre a svolgere docenze in Università e presso Enti Pubblici e Privati. E’ Presidente del CSIG ITALIA, della Prato Film Commission, e di MDC Firenze per la quale si occupa di tutela e diritti delle pari opportunità. Ha fatto parte della Commissione Pari Opportunità del CNF presso il Ministero della Giustizia ed è stata relatrice per l’Italia al primo Convegno Europeo  sulle Donne Avvocato, in Roma nel 2006. Ha pubblicato numerosi articoli e testi in materia di uguaglianze e pari opportunità.
Lorenzo Guadagnucci, giornalista Lavora al Quotidiano Nazionale (Resto del Carlino-La Nazione-Il Giorno) dal 1990. Durante il G8 di Genova del 2001 si trovò all’interno della scuola Diaz al momento dell’irruzione della polizia. Fu pestato e trattenuto in stato d’arresto per due giorni all’ospedale Galliera. È fra i fondatori e animatori del Comitato Verità e Giustizia per Genova; sul suo blog Distratti dalla libertà commenta la progressiva compressione dei diritti civili nelle nostre democrazie. Su questo tema ha pubblicato due libri. È uno dei fondatori del gruppo “Giornalisti contro il razzismo”. Collabora con Altreconomia e Carta.
Diana kapo, albanese, giunge in Italia nel 1992 all’età di 6 anni con la famiglia, inzia la scuola primaria in Italia e prosegue gli studi fino alla laurea in Scienze Politiche a Firenze nel 2009. Attualmente è laureanda nella specializzazione di Comunicazione e Consulenza Politica presso la stessa facoltà. Ottiene la cittadinanza nell’ottobre del 2010 dopo 18 anni in Italia, dopo un iter lungo e faticoso. Interessata da sempre ai diritti dei migranti, delle donne e dei giovani, fonda nel 2008 un gruppo universitario a Scienze Politiche aperto a studenti italiani e stranieri, si avvicina alla politica e a maggio del 2011 viene eletta Segretaria Metropolitana Dei Giovani Democratici di Firenze
Daniela Lastri, dal 1995 al 1999 è stata Presidente del Consiglio Comunale di Firenze. Dal 1999 al 2009 è stata assessora alla pubblica istruzione con delega anche alle pari opportunità. È oggi componente della Direzione nazionale del Pd e responsabile della scuola per il PD Toscana. E’ segretaria della Quinta Commissione del consiglio regionale toscano – Istruzione, formazione, beni e attività culturali.
Hongyu Lin, assessora nel comune di Campi Bisenzio. Nasce il 6 aprile 1968 nel nord della Cina a Shenyang, città industriale di 8 milioni di abitanti, e giunge in Italia nel 1991 con in mano una laurea in chimica industriale. A Firenze entra in contatto con don Giovanni Momigli che da sempre si batte per la diffusione del concetto di interculturalità. Inizia a collaborare con Spazio Reale in veste di mediatrice culturale, con ospedali e con la Questura di Firenze. Tiene corsi di imprenditorialità cinese, collabora con la Regione come interprete e accompagnatrice delle delegazioni cinesi in città. Come assessora pensa di occuparsi della comunità cinese promuovendo il dialogo per arrivare ad una convivenza più positiva e si impegnerà a fondo perchè ai doveri corrispondano i diritti dei lavoratori anche promuovendo corsi per adulti al fine di capire la Costituzione italiana e il complesso della normativa legata al lavoro.
Moni Ovadia, attore teatrale, drammaturgo, scrittore, compositore e cantante italiano. Nato in Bulgaria da una famiglia ebraico-serafita, dopo gli studi universitari e una laurea in scienze politiche ha dato avvio alla sua carriera d’artista come ricercatore, cantante e interprete di musica etnica e popolare di vari paesi. Filo conduttore dei suoi spettacoli e della sua vastissima produzione discografica e libraria è la tradizione composita e sfaccettata, il “vagabondaggio culturale e reale” proprio del popolo ebraico, di cui egli si sente figlio e rappresentante, quell’immersione continua in lingue e suoni diversi ereditati da una cultura che le dittature e le ideologie totalitarie del Novecento avrebbero voluto cancellare, e di cui si fa memoria per il futuro.
Edda Pando è fondatrice della associazione interculturale Todo Cambia di Milano, fatta da persone di tutto il mondo che abitano in quella città. L’associazione lavora per  “…favorire l’incontro, la conoscenza reciproca, il rispetto, la condivisione tra nuovi e vecchi cittadini di differente origine, tra modi differenti di vivere, di lavorare, di divertirsi, di mangiare, di abitare, di pregare.”  Organizza ogni anno i corsi di Università Migrante per volontari (o aspiranti tali) delle associazioni e realtà che si occupano di immigrazione e antirazzismo.
Susanna Parigi, musicista sofisticata e autrice di grande spessore, ha affermato negli anni un genere cantautorale definito “pop letterario”, impegnato sui temi della solidarietà e della libertà. Diplomata in pianoforte, alla sua attività concertistica affianca quella dell’insegnamento nei conservatori di Trento e di Novara. Quest’anno il brano “Crudo”, contenuto nel suo lavoro più recente, “La lingua segreta delle donne” è stato candidato al “Premio Amnesty Italia 2012, Voci per la libertà”.
Dijana Pavlovic attrice.Da tempo promuove la cultura e la letteratura rom e svolge anche il ruolo di mediatrice culturale nelle scuole. Agli inizi del 2007 promuove con associazioni, comitati, esponenti della società civile la Rete “No patto di legalità” che si propone di contrastare il Patto di legalità e socialità promosso dalla giunta Moratti nel Comune di Milano e che sottopone a un doppio regime legale i cittadini rom.
Paolo Patané, laureato in Giurisprudenza e in Scienze Politiche, è un attivista italiano per i diritti LGBT. Dal 2010 ricopre la carica di Presidente dell’associazione Arcigay. Ha collaborato con numerose università sui temi attinenti Diritto Costituzionale e Scienza della Politica e ha lavorato per centri studi, grandi enti ed istituti finanziari.
Riccardo Pieralli, fondatore e consigliere di Ireos. E’ presidente del Cooordinamento Regionale Gruppi di auto-aiuto e cancelliere presso il Tribunale di Firenze
Stefania Ragusa, giornalista, redattrice di Glamour, collabora con Nigrizia, Popoli, il Manifesto, occupandosi di Africa, Bangladesh, Islam, immigrazione. Alla fine del 2009, con altre tre donne, ha dato vita al movimento Primo Marzo. Il suo libro più recente è “Le Rosarno d’Italia. Storie di ordinaria ingiustizia“.
Niccolo Rinaldi, laureato in Scienze Politiche con una tesi sull’economia di strada di Dakar, frutto di una ricerca sul campo in Senegal, ha lavorato per l’ONU in Afghanistan. Nel 1991 ha lasciato le Nazioni Unite per cominciare a lavorare al Parlamento Europeo, come consigliere politico. Nel 2000 è divenuto uno dei Segretari generali aggiunti del Parlamento. Ha curato la realizzazione di vari progetti a Firenze e altrove con installazioni multimediali per la memoria collettiva, questione a lui molto caro, sui temi dell’assedio alle città (“Piazza di guerra”, 2003), del genocidio ruandese (“Silence for Rwanda”, 2004), della Shoah (“Anatomia di un genocidio”, 2009, il cui testo è stato recentemente pubblicato dalla Giuntina col titolo “Piccola anatomia di un genocidio – Auschwitz e oltre”). Nel 2009 è stato eletto eurodeputato con Italia dei Valori.
Anna Maria Rivera. Antirazzista e antropologa, è docente di Etnologia ed Antropologia sociale all’Università di Bari. É da sempre fortemente impegnata nella difesa dei diritti umani. Fra i suoi campi di studio vi è l’analisi delle mutevoli forme dell’etnocentrismo e del razzismo nelle società contemporanee. È autrice e  curatrice di numerosi volumi, tra i quali “L’imbroglio etnico, in quattordici parole chiave, “La guerra dei simboli. Veli post-coloniali e retoriche sull’alterità” e  “Regole e roghi. Metamorfosi del razzismo”.
don Alessandro Santoro è il fondatore della comunità cristiana di base de Le Piagge di Firenze, un quartiere popolare di periferia urbana dove ancora oggi si avverte la mancanza di luoghi di incontro e di relazione. Proprio nella comunità, nell’autunno del 2009, ha celebrato il matrimonio tra Sandra, nata uomo (ma donna a tutti gli effetti da oltre 30 anni), e Fortunato, entrambi membri della comunità.
Igiaba Scego, scrittrice. Dopo la laurea in Letterature straniere presso la Sapienza di Roma, ha svolto un dottorato di ricerca in Pedagogia all’Università di Roma Tre e attualmente si occupa di scrittura, giornalismo e di ricerca incentrata sul dialogo tra le culture e la dimensione della transculturalità e della migrazione. Collabora con molte riviste che si occupano di migrazioni e di culture e letterature africane tra cui «Latinoamerica», «Carta», «El Ghibli», «Migra» e con alcuni quotidiani come «la Repubblica», «Il Manifesto», «L’Unità» e «Internazionale». Nel 2011, ha vinto il Premio Mondello come autrice italiana, con La mia casa è dove sono edito nel 2010 da Rizzoli.
Jean-Léonard Touadi è un politico, accademico, scrittore e giornalista italiano, originario della Repubblica del Congo. Laureato in filosofia alla Pontificia Università Gregoriana di Roma, e in giornalismo e scienze politiche alla LUISS, ha insegnato all’Università di Bologna, all’Università degli Studi di Milano e all’Università di Roma “Tor Vergata”. Ha diretto il programma di Rai 2 Un mondo a colori, di cui è stato anche conduttore, e scrive per la rivista Nigrizia. Nel giugno 2009 è stato protagonista, assieme alla parlamentare Anna Paola Concia, di una campagna ARCI contro le discriminazioni e il razzismo.
Pamela Villoresi, 53 anni, parte quindicenne dal Teatro Studio del Metastasio di Prato e, già all’età di 18 anni approda al Piccolo Teatro di Milano e inizia il lungo sodalizio artistico con Giorgio Strehler e per 20 anni lavorano, con Jack Lang, all’Unione dei Teatri Europei. E’ sempre stata attratta dalle culture di tutta Europa e, grazie anche alle sue origini Mittleuropee (madre tedesca, nonna austriaca, bisnonna ungherese), recita in 5 lingue. Ha vinto numerosissimi premi ed è stata protagonista di quasi cento spettacoli teatrali, dodici produzioni televisive, 11 film, lavorando con i più grandi registi e attori italiani
Appassionata di poesia ha realizzato 20 recital e melologhi (che rappresenta in tutta Italia e nel mondo) e ha lavorato, come voce recitante, con le più grandi orchestre europee. Ha prestato sovente la sua opera per il mondo del lavoro e per le battaglie sui diritti civili. Da sempre ha promosso nuovi talenti: ha commissionato, messo in scena e fatto pubblicare almeno 15 testi di autori italiani contemporanei e ha creato vari corsi per allievi attori e musicisti. Ha ideato e realizzato un nuovo Corso di Laurea di 1° livello, a Prato, sui mestieri promozionali e organizzativi dello spettacolo: PROGEAS. Fa parte del Consiglio d’Amministrazione del Teatro Metastasio di Prato e del Teatro Argentina Stabile di Roma. E’ stata direttrice artistica di vari Festival e dirige da 4 anni il Festival internazionale della Spiritualità, DIVINAMENTE ROMA, e da 3 anni DIVINAMENTE N.Y. (con la collaborazione del Ministero degli Affari Esteri e il patrocinio dell’Unesco).
Alessandro Zan. Eletto consigliere comunale a Padova nel 2004 e confermato nel 2009, Zan è spesso ricordato come il padre dei così detti “Pacs alla padovana”, un riconoscimento anagrafico basato su vincoli affettivi per una coppia che conviva (indipendentemente dall’orientamento sessuale di ciascuno). Politicamente attivo all’interno del movimento LGBT sin dal periodo liceale, si è reso promotore di importanti manifestazioni a favore dei diritti della comunità LGBT (Gay Pride a Padova nel 2002, la campagna nazionale PACS)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: